Descrizione Progetto

Pangea Mondo cucito

Titolo opera: Pangea Mondo cucito
Autore: Michele De Lucchi – I giovani del Centro Diurno Adolescenti “Il Sorriso di Lollo”
Posizione: Piazza Wagner | Fronte Parrocchia di San Pietro in Sala

Si chiama tettonica delle placche. È la teoria per la quale tutte le terre emerse, cioè tutti i continenti, l’Africa, l’Europa, l’Asia, le Americhe, l’Australia e tutte le isolette del Pacifico erano un’unica grande isola in mezzo a un enorme unico oceano. Il super-continente si chiamava Pangea e il super-oceano Pantalassa ed era così alla fine del Paleozoico, circa 250 milioni di anni fa. Insomma, erano gli anni in cui si poteva andare da Milano a Tahiti in tram. Tempi passati chiaramente ma le prove geologiche lo hanno oramai definitivamente verificato. La Pangea iniziò a rompersi a partire dal Mesozoico; questo processo è ancora attivo e sicuramente per molti anni quel biglietto del tram rimarrà inutilizzato. La separazione e la deriva delle placche terrestri sono all’origine dell’attuale configurazione dei continenti, dei bacini oceanici, delle società civili, delle civiltà e dei modi di pensare e interpretare realtà e irrealtà.

Mondo Pangea sarà la ricostruzione dall’aspetto del pianeta in quella felice epoca nella quale terre, oceani, uomini e natura erano una cosa unica. Ci fa sperare che alla fine di questa deriva si possa ritornare ad essere un unico continente, un’unica nazione, una unica umanità.

Bio
Artista

Nome: Michele De Lucchi e i giovani del Centro Diurno Adolescenti “Il Sorriso di Lollo”
Paese: Italia

Architetto. È stato tra i protagonisti di Alchimia e Memphis.
Ha disegnato arredi per le più conosciute aziende italiane ed europee. È stato responsabile del Design Olivetti dal 1988 al 2002. Ha realizzato progetti di architettura
in Italia e nel mondo tra cui edifici culturali, direzionali, industriali e residenziali.
Per Deutsche Bank, Deutsche Bundesbahn, Enel, Poste Italiane, Hera, Intesa Sanpaolo, UniCredit e altri Istituti italiani ed esteri ha progettato ambienti di lavoro e corporate identity. Ha sviluppato importanti progetti di hôtellerie a Tbilisi (Georgia), a Pechino (Cina), sul complesso del Rokkō-san (Giappone) e in varie parti d’Italia. Ha disegnato edifici e sistemi espositivi per musei come la Triennale di Milano, il Palazzo delle Esposizioni di Roma, il Neues Museum di Berlino e le Galleria d’Italia a Milano.

Nel 2000 è stato insignito della onorificenza di Ufficiale della Repubblica Italiana
dal Presidente Ciampi. Nel 2001 è stato nominato Professore Ordinario presso lo IUAV a Venezia. Nel 2006 ha ricevuto la Laurea ad Honorem dalla Kingston University.
Dal 2008 è Professore Ordinario presso la Facoltà del Design al Politecnico di Milano
e Accademico presso l’Accademia Nazionale di San Luca a Roma. Nel 2018 è stato Guest Editor della rivista “Domus”.

Michele De Lucchi è fondatore e parte di AMDL CIRCLE, un cerchio interdisciplinare
di progettisti innovatori, rinomato per l’approccio umanistico all’architettura e al design. Dal 2018 la ricerca di AMDL CIRCLE si concentra su Earth Stations, una nuova tipologia di edifici che utilizzano le conoscenze umanistiche e tecnologiche per favorire le relazioni umane